Sicurezza – I paracolpi STOMMPY nell’industria alimentare
13/02/2018

L’industria alimentare, con un fatturato nel 2017 pari a circa 137 miliardi di euro (Fonte: stime Centro Studi Federalimentare su dati ISTAT), in crescita del +3,8% rispetto al 2016 e, con un incremento delle esportazioni del +7,1%, pari a 32,1 miliardi di euro, si conferma il comparto trainante dell’economia italiana. Un settore sempre più strategico per il nostro Paese che, ad oggi, annovera 6.850 imprese attive e circa 385.000 addetti, sostenendo la filiera e il territorio con l’acquisto e la trasformazione del 72% delle materie prime prodotte internamente.

Una crescita, quella descritta, derivante soprattutto dai costanti investimenti delle imprese nel miglioramento continuo del processo produttivo che, in virtù anche della stringente regolamentazione operata dal Governo italiano, non può più prescindere da una sempre più forte attenzione alla sicurezza e all’igiene, non solo a tutela del cliente finale, ma anche dei lavoratori.

“In tema di sicurezza sui luoghi di lavoro, gli operatori del settore devono prevedere un’analisi specifica rispetto sia ai rischi a cui sono soggetti i dipendenti sia a quelli a cui sono soggetti i prodotti stessi”, commenta Marco Chiarini, General Manager di STOMMPY s.r.l. (http://www.stommpy.it/).

“Anche se la trasformazione di alimenti e bevande è effettuata in ambienti rigorosamente controllati, i lavoratori non sono esenti da incidenti, infortuni o esposizione a sostanze pericolose. In tal senso, i nostri sistemi di sicurezza paracolpi, realizzati con l’innovativo e performante polimero tecnico Tecklene®, rappresentano il miglior alleato delle aziende per assicurare una doppia protezione, sia in termini igienico-sanitari che di tutela delle persone negli ambienti di lavoro”, aggiunge Chiarini.

Tecklene®, infatti, perfettamente in linea con le più rigorose normative HACCP in vigore, si connota per le eccezionali performance meccaniche dal punto di vista della resistenza e igienico-sanitarie, data la sua certificazione di atossicità, che lo rende idoneo all’utilizzo in ambienti alimentari, con temperatura d’esercizio compresa tra -40 °C e i +50 °C, secondo la EU EC Regulation 10/2011 CE e la FDA Regulation 21 CFR 177.1520 NFS/ANSI Standard 51.

Nello specifico, si tratta di un composto chimico derivante dal processo di polimerizzazione dell’etilene, sapientemente miscelato con agenti attivi e reticolanti. Tecklene® non emette sostanze tossiche se sottoposto alla fiamma, è resistente alle soluzioni saline, agli acidi, agli alcalidi, all’alcool e alla benzina e, inoltre, è atossico, inodore e fisiologicamente innocuo. Inoltre, non si frantuma, evitando così la dispersione di piccoli frammenti che potrebbero accidentalmente contaminare gli alimenti nelle vicinanze.

L’orientamento lineare e l’omogeneità della sua struttura molecolare gli conferiscono doti di elevata resistenza anche alle sollecitazioni a flessione più violenti, rendendolo ideale per la realizzazione di sistemi di sicurezza paracolpi, grazie alla sua alta efficienza. STOMMPY®, grazie al Tecklene®, ha introdotto per la prima volta sul mercato il concetto di “elasticità” strettamente connesso alla “deformazione programmata” della struttura del paracolpi, allo scopo di garantire il massimo assorbimento dell’energia di impatto e la massima resistenza agli urti.

In tal senso, i dispositivi di sicurezza paracolpi STOMMPY®, grazie all’esclusivo sistema di ancoraggio al pavimento FIXA Block System®, internazionalmente brevettato, permettono una significativa dissipazione dell’energia, generata nell’impatto con un veicolo o un carrello, su una superficie del pavimento molto ampia, evitandone la rottura.

In tal modo, anche l’indice traumatologico sull’operatore a bordo del veicolo durante la collisione, causa del cosiddetto “colpo di frusta”, è ridotto al minimo e, le persone, che rappresentano il vero patrimonio aziendale, sono maggiormente tutelate.

Un ulteriore plus è rappresentanto dalla garanzia di impermeabilità offerta dai dispositivi STOMMPY®, in grado di assicurare la massima protezione contro i ristagni e le infiltrazioni d’acqua nella parte di ancoraggio del sistema a terra, con grado di protezione alla penetrazione di acqua ad alta pressione, IPX9K.

“Un sistema di protezione completo, dunque, che garantisce il totale rispetto delle norme igieniche anche nella fase di montaggio”, conclude Chiarini. “Il nostro servizio di installazione è certificato ISO9001:2015 e opera nella più totale pulizia sia per quanto riguarda le superfici sia la salubrità dell’aria, in quanto non viene rilasciato nell’ambiente nessun tipo di pulviscolo. Un servizio efficiente che punta alla massima soddisfazione del cliente nella sfida quotidiana di incrementare la sicurezza dei lavoratori negli ambienti di lavoro”.



Precedente | Seguente


COMMENTI
Sondaggio
Esclusa dai prossimi Mondiali di Calcio, L’Italia quale ruolo potrà invece giocare nell’Europa del futuro? (ndr: per ragioni ovvie non abbiamo previsto la panchina!)

La rivista


Newsletter



Sponsor





















































































OpenFactory Edizioni
© 2018. Open Factory Srl - Via Bernardo Rucellai, 37/B - 20126 Milano - Phone +39 02 49517730 +39 02 49517731 - Telefax +39 02 87153767 - C.F. e P. IVA 07222610961
È vietato riprodurre qualsiasi parte delle pubblicazioni, foto e testi senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell'editore.
Editore e autori non potranno in nessun caso essere responsabili per incidenti e/o danni che a chiunque possano derivare per qualsivoglia motivo o causa,
in dipendenza dall'uso improprio delle informazioni qui contenute.

Privacy Policy
Powered by Joy ADV