Reportage - SolidWorks World 2018 e il “big dream”
13/02/2018

Solidworks World è un prezioso momento di incontro, confronto e crescita, con oltre 5.000 persone, tra designer, ingegneri, innovatori, creatori e giornalisti.

È appena andata in scena a Los Angeles SolidWorks World 2018, la più grande convention annuale dedicata all’universo SolidWorks (www.solidworks.it).

Creare un nuovo processo industriale per migliorare la vita e il lavoro delle persone: è questo il “big dream” per SolidWorks, emerso nel corso dell’edizione targata 2018 del Solidworks World, la più grande convention dedicata all’universo SolidWorks, che è andata in scena di recente a Los Angeles, in California.

La manifestazione è un importante momento di incontro, confronto e crescita, con oltre 5.000 persone, tra innovatori, designer, creatori, ingegneri e giornalisti, che hanno animato più di 200 sessioni tecniche organizzate presso il Convention Center della dinamica città californiana. A margine delle sedute teoriche, anche in questa edizione ha suscitato molte attenzioni il grande padiglione espositivo interattivo, dove circa 100 espositori hanno mostrato i prodotti realizzati con il software SolidWorks: dallo Smart Mirror di Perseus Mirrors, con un display digitale controllato dalla voce e connesso a Internet, ai giocattoli interattivi che fondono robotica e tecnologie digitali di Sphero passando per le intelligenti “stecche” per immobilizzare gli arti completamente personalizzate sull’anatomia dei pazienti stampate in 3D studiate da Vilnius Academy of Arts, la più grande scuola di specializzazione per l’arte dei paesi Baltici.

Tanti i temi che hanno caratterizzato questa edizione del Solidworks World, dal design al manufacturing, dalla stampa 3D alla simulazione e all’innovazione. Uno dei più dibattuti è stato quello della collaborazione per lo sviluppo di prodotti innovativi nel più breve tempo possibile e a costi vicini “allo zero”, con l’obiettivo di rendere semplici le complessità tecnologiche grazie agli strumenti software offerti dalle soluzioni SolidWorks.

“Siamo di fronte a un momento importante, siamo di fronte alla rinascita dell’industria e a una nuova rivoluzione industriale e della stampa”, ha affermato Gian Paolo Bassi, CEO Dassault Systèmes Solidworks Corporation, sul palco della convention. “La prossima rivoluzione riguarda la digitalizzazione e la collaborazione legata alle informazioni. Dobbiamo portare conoscenza e know-how a tutti e accrescere l’accesso alla tecnologia da parte delle persone per migliorare il modo il cui viviamo e in cui lavoriamo. E questo grazie all’automazione (che aiuta gli innovatori a prendere decisioni migliori grazie all’Intelligenza Artificiale, al machine learning, ecc.) e all’Integrazione (Mechanical Design, Electronical Design, ecc.) fondamentale per creare un oggetto connesso (IOT). Vogliamo diventare l’Amazon degli ingegneri in tutto il mondo, offrire una piattaforma aperta a tutto, con il CAD disponibile sempre, ovunque e da qualsiasi device, all’insegna della flessibilità della tecnologia. Questa la nostra mission” ha spiegato Bassi.

Il CEO di Dassault Systèmes Solidworks Corporation ha annunciato a Los Angeles i 3D Experience Social Collaboration Services (per la generazione dei concept iniziali), i SolidWorks 3D Experience PLM Services (servizi utili per collaborare e gestire la generazione delle singole parti), il SolidWorks Product Designer (completamente integrato from Art to Part ovvero dal disegno all’oggetto), il SolidWorks XDesign (potente software di progettazione che funziona con qualunque browser, su qualsiasi device e in ogni momento, considerato il “CAD nel Cloud”), 3DExperience MarketPlace (diventare appunto l’Amazon per le parti di ingegneria meccanica, il luogo dove i fornitori per la produzione, da tutto il mondo, possono mettere a disposizione le proprie capacità e dove gli acquirenti possono trovare venditori affidabili, negoziare i prezzi, ottenere i prodotti direttamente sulla porta di casa, “get their parts delivered to their doorstep”…). Tutto questo con l’obiettivo di aumentare i servizi SolidWorks nell’ottica di offrire realmente un’integrazione sempre più completa. E come da tradizione, appuntamento al prossimo SolidWorks World, in programma a Dallas dal 10 al 13 febbraio 2019. Stay tuned! (Simona Recanatini)

“Siamo di fronte a un momento importante, siamo di fronte alla rinascita dell’industria e a una nuova rivoluzione industriale e della stampa”, ha sottolineato Gian Paolo Bassi, CEO Dassault Systèmes Solidworks Corporation, nel corso della convention.



Precedente | Seguente


COMMENTI
Sondaggio
Tra le “attrattive” della 31.BI-MU di Milano quali suscitano più interesse?

La rivista
Copertina Tecn'è Ottobre 2018

Copertina Tecn'è Percorsi Tecnologici

Copertina Tecn'è Ottobre 2018 Supplemento

Eureka n.5 - 2018
Newsletter



Sponsor

















































































OpenFactory Edizioni
© 2018. Open Factory Edizioni s.r.l. - Via Bernardo Rucellai, 37/B - 20126 Milano - Phone +39 02 49517730 +39 02 49517731 - Telefax +39 02 87153767 - C.F. e P. IVA 07222610961
È vietato riprodurre qualsiasi parte delle pubblicazioni, foto e testi senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell'editore.
Editore e autori non potranno in nessun caso essere responsabili per incidenti e/o danni che a chiunque possano derivare per qualsivoglia motivo o causa,
in dipendenza dall'uso improprio delle informazioni qui contenute.

Redazione | Privacy Policy
Powered by Joy ADV