Aziende– Orange1 Holding e l’internazionalizzazione delle imprese
12/06/2018

Internazionalizzazione delle imprese e delocalizzazione delle produzioni, temi estremamente attuali e dibattuti sul quale si è espresso Armando Donazzan (nella foto), Presidente di Orange1 Holding (www.orange1.eu), azienda leader nel settore elettromeccanico con sede principale ad Arsiè (BL), in un’intervista di La7 dello scorso 11 maggio a cura di Lorenzo Munegato.

L’intervista si è svolta proprio nella settimana in cui Orange1 ha festeggiato i 20 anni della EME KFT, azienda del Gruppo con sede in Ungheria, specializzata nella produzione di statori avvolti per motori elettrici, che l’anno scorso ha ricevuto il premio di “azienda dell’anno”.

Armando Donazzan ha dichiarato: “Tra le tante sfide che affronta un’azienda, l’internazionalizzazione rappresenta un percorso difficile e impegnativo, ma offre la possibilità di esportare il Made in Italy e allo stesso tempo conferire ai prodotti delle imprese italiane un elevato valore e competitività. Molte grandi aziende italiane hanno raggiunto importanti risultati internazionali grazie ad un mix strategico che ha visto un forte orientamento al prodotto, al processo produttivo e un elevato grado di flessibilità grazie anche alla delocalizzazione di alcune produzioni guidate più dall’esigenza di avvicinarsi a mercati lontani che non da quella di abbattere i costi. L’internazionalizzazione e la delocalizzazione di alcuni processi produttivi quindi sono un’opportunità per ottimizzare le capacità economiche e offrire una reale possibilità di crescita del business”.

Il Presidente Donazzan ha spiegato come la fondazione della divisione Eme KFT in Ungheria è stato un passaggio naturale e spontaneo, in quanto Paese dove è molto facile ottimizzare la macchina produttiva e organizzativa: “Non solo. Abbiamo creato un interessante e proficuo sistema di relazioni in collaborazione con l’Ambasciatore italiano in Ungheria, Massimo Rustico, con la Camera di Commercio Italiana in Ungheria e altre istituzioni italiane presenti. Una scelta strategica, non speculativa, mirata alla crescita del business, del benessere, degli investimenti non solo in Ungheria ma anche degli investimenti che facciamo in Italia. Infatti, la nostra produzione, che rappresenta l’industria italiana nel mondo, è rimasta fortemente radicata sul nostro territorio anche in quest’epoca di globalizzazione selvaggia. Questo perché gran parte del cosiddetto ‘Made in Italy’ è fabbricato in Italia, guidato da un’importante leadership di nicchia nel commercio internazionale, in ambiti di elevata qualità e innovazione tecnologica”.

Orange1 Holding punta da sempre sull’italianità dei propri prodotti; Donazzan ha infatti concluso: “Le filiere produttive italiane sono apprezzate in tutto il mondo per la loro unicità, il know- how e la creatività. Una strategia complessa e globale necessaria per migliorare le performance di redditività e affrontare il mercato mondiale con le armi adatte”.



Precedente | Seguente


COMMENTI
Sondaggio
La nostra vita quotidiana è, per fortuna (o sfortuna), occupata in gran parte dal lavoro. Ma quanti gli interessi e i modi di rilassarsi sono nella natura umana? In particolar modo per il vostro relax, tra queste sei scelte, cosa preferireste fare?

La rivista
Copertina Tecn'è Giugno 2018

Newsletter



Sponsor





























































OpenFactory Edizioni
© 2018. Open Factory Srl - Via Bernardo Rucellai, 37/B - 20126 Milano - Phone +39 02 49517730 +39 02 49517731 - Telefax +39 02 87153767 - C.F. e P. IVA 07222610961
È vietato riprodurre qualsiasi parte delle pubblicazioni, foto e testi senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell'editore.
Editore e autori non potranno in nessun caso essere responsabili per incidenti e/o danni che a chiunque possano derivare per qualsivoglia motivo o causa,
in dipendenza dall'uso improprio delle informazioni qui contenute.

Privacy Policy
Powered by Joy ADV