Tecnologia – Un buon caffè nello spazio con Paolo Nespoli
03/08/2017

Non c’è vita nello spazio senza espresso. Il caffè è protagonista della missione VITA (Vitality, Innovation, Technology, Ability), che ha portato Paolo Nespoli e i suoi compagni d’equipaggio a bordo della Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Ad accogliere l’arrivo degli astronauti un prodotto 100% italiano: l’innovativa macchina a capsule ISSpresso, installata all’interno del Nodo 1 della Stazione Spaziale.

La soluzione è stata realizzata da Argotec (www.argotec.it) e Lavazza (www.lavazza.it/it/) – in partnership pubblico-privata con l’Agenzia Spaziale Italiana (www.asi.it) – che, il 3 maggio 2015, durante la missione “Futura”, ha permesso a Samantha Cristoforetti di poter bere il primo caffè espresso della storia in stato di microgravità.

La partnership con l’ASI, che ha coordinato l’esperimento, ha reso possibile il suo trasporto sulla Stazione Spaziale Internazionale, e successivamente attraverso un negoziato con la NASA, l’Agenzia ha ottenuto di mantenere permanentemente attiva la ISSpresso in orbita.

Un passaggio di testimone quindi tra gli astronauti dell’Agenzia Spaziale Europea, Samantha Cristoforetti e Paolo Nespoli, al terzo volo tra le stelle, che, nel corso degli ultimi mesi, ha potuto apprendere e approfondire nei laboratori di ricerca e sviluppo di Argotec a Torino tutti i segreti della macchina ISSpresso, dagli aspetti tecnici a quelli più pratici di utilizzo.

“Portare per la seconda volta il Made in Italy oltre l’atmosfera terrestre grazie all’ambizioso progetto realizzato con Argotec e frutto di tecnica e creatività, ci rende particolarmente orgogliosi”, ha dichiarato Marco Lavazza, Vicepresidente del Gruppo Lavazza.

“Continua così il nostro viaggio nell’innovazione e poter associare il nome tutto italiano della nuova missione spaziale VITA ad un simbolo italiano ugualmente riconosciuto a livello internazionale, l’Espresso, conferma l’autenticità della nostra ricetta: passione, qualità e voglia di continuare a innovare per essere sempre un passo avanti. La miscela delle capsule A Modo Mio che verrà bevuta nello spazio è infatti la stessa che si può gustare a casa”.

Dopo 27 mesi di permanenza nello spazio a 400 km di distanza dalla terra, la macchina ISSpresso, vero gioiello tecnologico e ingegneristico, consentirà così a un altro astronauta italiano di gustare un espresso a regola d’arte, nello spazio come a casa. L’aroma non cambia grazie al gusto equilibrato e bilanciato delle capsule Lavazza: la crema e il caffè non sono miscelate come sulla terra, ma sono separate, e la tazzina tradizionale diventa invece uno speciale sacchetto detto “pouch”.

ISSpresso sarà in grado di fare il caffè in condizioni estreme, dove i princìpi che governano la fluidodinamica sono completamente differenti rispetto a quelli terrestri. Le operazioni di preparazione sono invece le stesse: massima praticità e semplicità per un espresso da gustare attraverso una cannuccia. ISSpresso soddisfa requisiti molto severi, imposti dalla NASA in termini di compatibilità con i sistemi già presenti a bordo e quelli di interfaccia con gli astronauti ed è inoltre dotata di un dispositivo innovativo che consente la pulizia della linea di erogazione del caffè.

“Oltre al piacere del caffè, l’utilizzo della macchina ISSpresso da parte di Nespoli ci consentirà di studiare in orbita fenomeni fisici impossibili da replicare a Terra. Grazie a questo sistema abbiamo già brevettato delle tecnologie innovative in grado di eliminare i depositi di caffè e di acqua prodotti dalle macchinette terrestri riducendo così lo spreco idrico fino al 30%. Una sinergia dunque quella con Lavazza che ci ha portato a vincere un’importante sfida scientifica e ingegneristica di rilevanza internazionale che continua a supportare la nostra sperimentazione”, ha commentato David Avino, Managing Director di Argotec.



Precedente | Seguente


COMMENTI
Sondaggio
Quanto dipendiamo dalle nuove tecnologie e quando queste possono diventare un ausilio indispensabile per le persone che le utilizzano?

La rivista




Newsletter



Sponsor

































OpenFactory Edizioni
© 2017. Open Factory Srl - Via Bernardo Rucellai, 37/B - 20126 Milano - Phone + 039 02 49517730 + 039 02 49517731 - Telefax + 039 02 87153767 - C.F. e P. IVA 07222610961
È vietato riprodurre qualsiasi parte delle pubblicazioni, foto e testi senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell'editore.
Editore e autori non potranno in nessun caso essere responsabili per incidenti e/o danni che a chiunque possano derivare per qualsivoglia motivo o causa,
in dipendenza dall'uso improprio delle informazioni qui contenute.

Privacy Policy
Powered by Joy ADV