ACCESSORI – L’ARTE DI RIPARARE
01/06/2017

Alessia ed Eduard von Slawik, rispettivamente Operations Manager e Business Development Manager di SMZ Italia.

Da quasi vent’anni SMZ Italia ripara mandrini ed elettromandrini di tutte le marche e per tutti gli utilizzi. Un’attività che rende ogni singola lavorazione diversa dalle altre e richiede un approccio altamente tecnologico, ma al tempo stesso creativo. Siamo andati a vedere come lavora questa azienda, quasi unica nel suo genere, e come sta progettando il futuro.

di Riccardo Oldani

Nel 2015 SMZ Italia ha raggiunto il numero di 10.000 mandrini riparati nell’arco di una vicenda imprenditoriale che nel 2018 compirà vent’anni.

In un mondo sempre più automatizzato c’è ancora spazio per chi fa le cose in modo creativo. È il caso di SMZ Italia (www.smzitalia.com), azienda di Volpiano, in provincia di Torino, che si è ritagliata una preziosa nicchia grazie all'attività di riparazione di mandrini e di elettromandrini. Oltre allo stabilimento italiano, l'azienda ha anche una sede in Germania e una in Polonia. Nel 2015 SMZ Italia ha raggiunto il numero di 10.000 mandrini riparati nell’arco di una vicenda imprenditoriale che nel 2018 compirà vent’anni.

Del resto, l’approccio creativo è necessario in un’impresa che, spiega il Direttore Commerciale Adriano Menegazzo, “è in grado di riparare qualsiasi tipo di mandrino ed elettromandrino, di ogni marca, di ogni dimensione e per ogni tipo di utilizzo, su metallo, legno o qualunque altro materiale. Ogni pezzo che entra nella nostra azienda è diverso dall’altro e richiede un approccio differente, perché diversi possono essere gli inconvenienti che ne pregiudicano il funzionamento”.

La rettifica di particolari danneggiati è una delle fasi operative fondamentali in azienda.

ORGANIZZAZIONE E PULIZIA

I mandrini difettosi entrano in azienda con una descrizione sommaria, fornita dal cliente, del problema che li affligge, per esempio eccessive vibrazioni, grippaggio dei cuscinetti, incapacità di raggiungere il numero massimo di giri. Lo staff di SMZ Italia li sottoponquindi a un attento controllo per arrivare a una diagnosi, formulare un piano di intervento e definire un preventivo sulla base delle operazioni da compiere e delle parti da sostituire. “Ricevuto l’ok del cliente procediamo alla riparazione, che per questi oggetti, per quanto siamo molto rapidi, non può essere sempre immediata – osserva Menegazzo –. A volte capita di dover trovare un ricambio particolare, che non abbiamo in casa, per quanto abbiamo un magazzino delle parti più comunemente utilizzate”. Mentre visitiamo il capannone, particolarmente ordinato e silenzioso nonostante tutti e 31 i dipendenti siano all’opera, diamo un’occhiata anche al pulitissimo locale dove sono stoccati i ricambi, perfettamente ordinati sugli scaffali. In un’altra area, racchiusa da vetrate, si concentrano i macchinari per la rettifica, “l’operazione più delicata in questo tipo di riparazioni – dice Menegazzo – per la quale ci siamo attrezzati in modo da realizzarla sempre al nostro interno e averne il controllo totale”. Solo alcune operazioni, per esempio la realizzazione di parti meccaniche, vengono appaltate a fornitori esterni.

Il reparto di tornitura dell’azienda di Volpiano.

COLLAUDI APPROFONDITI

Di fronte si trova invece l’area di collaudo, con banchi prova che riproducono esattamente le condizioni operative dei mandrini. Questi vengono quindi testati in posizione orizzontale o verticale, oppure in entrambe se sono montati su centri di lavoro o macchine a 5 assi. “Qui – dice ancora Menegazzo – controlliamo che il mandrino riparato funzioni come se fosse nuovo e verifichiamo i parametri di funzionamento su tutto il range operativo previsto dalla macchina. Può capitare, quindi, che riscontriamo caratteristiche tipiche del mandrino, per esempio un picco di vibrazioni a un certo numero di giri al minuto, cosa che ci consente anche di fornire al cliente indicazioni preziose per il suo utilizzo. Se, per fare un esempio, a 19.300 giri/min si registrano più vibrazioni (sempre nei limiti consentiti) che a 19.500 giri/min, possiamo suggerire di effettuare lavorazioni su questa seconda velocità per assicurare una maggiore vita operativa al pezzo riparato”. In questo SMZ Italia si propone anche come partner alle aziende che serve. Con alcune il rapporto è continuativo, stabilito da contratti di manutenzione, per esempio per importanti gruppi nel settore automotive e aeronautico. Con altri clienti, invece, il rapporto è spot, sulla base della singola riparazione.

 

Adriano Menegazzo, Direttore Commerciale di SMZ Italia.

SULLA STRADA DEL RINNOVAMENTO

In questo momento l’azienda sta anche attraversando un cambio generazionale. Alessia ed Eduard von Slawik, rispettivamente Operations Manager e Business Development Manager, stanno da qualche tempo affiancando il padre Georg, che ha fondato SMZ Italia nel 1998 dopo l’esperienza positiva della SMZ Gmbh, creata nel 1992 a Kernen, in Germania. L’obiettivo è anche potenziare la parte commerciale. “Molta parte delle commesse che raccogliamo – dice von Slawik – sono frutto del passaparola, e della qualità del nostro lavoro, ma non basta. Abbiamo intrapreso una strada per rendere più efficiente la nostra attività commerciale, potenziando le iniziative di comunicazione e la presenza a fiere. Scegliamo in particolare eventi molto settoriali e specifici e in un limitato numero di aree, che ci interessano per il nostro business, ma senza disperderci in troppe manifestazioni. Stiamo cercando di cambiare anche la comunicazione verso il cliente, con un nuovo approccio, attraverso il sito che è stato rinnovato e newsletter. In altre parole, cerchiamo di essere più propostivi”. E di fronte all’affermarsi di tecnologie di manutenzione preventiva o predittiva come si pone SMZ Italia? C’è il rischio che possa mancare lavoro? “Non credo – commenta Menegazzo – anzi, vedo più opportunità che rischi per noi. Soprattutto produttori di mandrini con sedi molto distanti dall’Italia potrebbero appoggiarsi a noi per l’assistenza sui loro prodotti. Ma vedo anche che, nonostante l’affermarsi di queste tecnologie, nelle aziende le esigenze di produzione tendono sempre a prevalere sulla manutenzione”. Di riparare questi delicati componenti, quindi, ci sarà sempre bisogno. ©Tecn’è

L’area del magazzino di SMZ Italia.

SMZ garantisce interventi con tempi di revisione brevi per ridurre al minimo il fermo macchina dei clienti e si fa promotrice dell’importanza della manutenzione preventiva.



Precedente | Seguente


COMMENTI
Sondaggio
Quali attività preferisci praticare nel tuo periodo di vacanza. Quali ti stimolano di più e ti aiutano nel rilassarti?

La rivista




Newsletter



Sponsor





































OpenFactory Edizioni
© 2017. Open Factory Srl - Via Bernardo Rucellai, 37/B - 20126 Milano - Phone + 039 02 49517730 + 039 02 49517731 - Telefax + 039 02 87153767 - C.F. e P. IVA 07222610961
È vietato riprodurre qualsiasi parte delle pubblicazioni, foto e testi senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell'editore.
Editore e autori non potranno in nessun caso essere responsabili per incidenti e/o danni che a chiunque possano derivare per qualsivoglia motivo o causa,
in dipendenza dall'uso improprio delle informazioni qui contenute.

Privacy Policy
Powered by Joy ADV