Manifestazioni
CIÒ CHE OCCORRE SAPERE SU ELECTRONICA
01/07/2018

electronica è in programma a Monaco di Baviera dal 13 al 16 novembre 2018.

Angela Marten, Project Manager del Salone electronica, illustra la nuova suddivisione delle aree espositive e il processo di riorganizzazione della manifestazione in programma a Monaco di Baviera dal 13 al 16 novembre 2018.

di Leo Castelli

La crescita di electronica (www.electronica.de) è inarrestabile. Per la prima volta, in questa edizione, occupa 17 padiglioni del Centro Fieristico di Monaco di Baviera. Vengono infatti aggiunti anche i nuovi padiglioni C5 e C6, disponibili dalla primavera di quest’anno e si annunciano novità anche per la struttura dei padiglioni C2 e C3. Angela Marten, Project Manager del Salone, ci aiuta a comprendere le logiche di una filiera che nel 2016 occupava tredici padiglioni e che nel 2018, come detto, ne prevede diciassette. Quali sviluppi hanno portato a un ampliamento così significativo?

“L’area espositiva era stata incrementa già per electronica 2016. La domanda superava ampiamente la disponibilità di spazi e così gli organizzatori hanno aggiunto già due anni fa il padiglione C4”, sottolinea Angela Marten. “Al termine della scorsa edizione era quindi chiaro che, per conferire al Salone una struttura adeguata, in ottica futura, si sarebbe dovuto rivedere la suddivisione dei padiglioni: solo in questo modo sarebbe stato possibile evitare ulteriori spostamenti dei settori espositivi, qualora la domanda di spazi da parte degli espositori fosse cresciuta ulteriormente. Insieme al comitato direttivo e agli espositori, è quindi stata studiata una nuova organizzazione del centro fieristico e, da questo progetto, è scaturito l’ampliamento da 13 a 17 padiglioni”.

 

La nuova disposizione del layout fieristico, da 13 a 17 padiglioni, permette una migliore suddivisione dei settori merceologici e una visita pianificata al meglio.

COMPONENTI, SISTEMI E APPLICAZIONI DI ELETTRONICA

Ricordando che electronica rimane il principale Salone mondiale di componenti, sistemi e applicazioni di elettronica, quali considerazioni hanno guidato alla nuova suddivisione dei padiglioni?

“Rispetto al layout del 2016 balza subito agli occhi un primo elemento: il Salone aveva solo due ingressi, ovest ed est. Il flusso di visitatori si sviluppava quindi da ovest a est e viceversa. Questo elemento influenzava notevolmente l’assegnazione degli spazi e la disposizione dei settori espositivi, che seguiva il percorso di visita degli operatori. Con l’aggiunta dei padiglioni C2 e C3 e dei padiglioni C5 e C6 di nuova costruzione, abbiamo ora a disposizione anche gli ingressi nord, nord-ovest e nord-est, che consentono di accedere al Centro espositivo da tutti i lati. L’ulteriore orientamento nord-sud dei settori favorisce una distribuzione omogenea delle presenze in tutto il Centro. I conduttori, che rappresentano il cuore di electronica, occupano un posto centrale nella nuova disposizione”, spiega Angela Marten.

Nel 2016 hanno partecipato alla manifestazione circa 73.000 visitatori e 2.913 espositori e per il 2018 i numeri sono in netta crescita. Nel concreto, come ci si deve preparare per vivere al meglio il Salone? In quali padiglioni sono ubicati i semiconduttori e gli altri comparti, a partire dall’edizione 2018?

“Nella nuova struttura, i semiconduttori sono dislocati nei padiglioni A4, B4 e C4 e negli adiacenti B5, C5 e C3. In questo contesto, si svolge anche SEMICON Europa, nel padiglione A4. Convergono, inoltre, verso il cuore del Centro fieristico i settori automotive ed Embedded Systems, direttamente adiacenti a Display e sensoristica. Elettromeccanica, relè e custodie/alloggiamenti formano un altro comparto che occupa più di due padiglioni. Anche per questo settore abbiamo scelto una disposizione nord-sud. Gli espositori di questo comparto sono collocati nei padiglioni A2, B2 e C2. Schede a circuiti stampati ed EMS si trasferiscono nei padiglioni A1 e B1, i componenti passivi nell’A6 e B6, con il conseguente riposizionamento di tutti gli altri settori. È così possibile pianificare in modo migliore la visita al Salone”, commenta Angela Marten.

La nuova disposizione non riguarda quindi solo gli espositori: come possono orientarsi i visitatori in fiera? “La domanda è pertinente, perché l’edizione 2018 di electronica è la più grande di tutti i tempi. I singoli settori crescono e cresce lo spazio per il programma collaterale. Nonostante le dimensioni del Salone, tutti i comparti sono facilmente raggiungibili, grazie alla chiara suddivisione dei padiglioni. Per aiutare ulteriormente i visitatori, i vari settori sono contraddistinti da diversi colori, sia sulla piantina sia all’interno del Centro fieristico, ad esempio con la colorazione della moquette. Per la disposizione dei vari settori nel Centro fieristico, non solo abbiamo tenuto conto della facilità e della velocità con cui ogni operatore può raggiungere il settore di proprio interesse, ma abbiamo anche studiato il layout in modo da fornire suggerimenti e ispirazioni. In quest’ottica abbiamo posizionato per quanto possibile aree affini l’una accanto all’altra. In tal modo, electronica offre un’esperienza unica: tutto il mondo dell’elettronica sotto lo stesso tetto”, conclude Angela Marten.

electronica offre un’esperienza unica: tutto il mondo dell’elettronica sotto lo stesso tetto.

LE CONFERENZE DI ELECTRONICA

L’appuntamento internazionale più importante dell’industria elettronica offre anche, ora più che mai, un programma nutrito di forum e conferenze. I forum, per questa edizione, seguono chiaramente il settore espositivo di riferimento: ad esempio, electronica automotive forum si sposta nel padiglione B4, mentre electronica embedded forum trasloca nel B5.

Per la prima volta, electronica propone quattro conferenze: oltre a electronica Automotive Conference, electronica Embedded Platforms Conference e Wireless Congress, debutta electronica Medical Electronics Conference, dedicata a sviluppi e tendenze dell’elettronica medicale. Le iscrizioni per le quattro conferenze sono già aperte. Il programma convegnistico di electronica punta dunque i riflettori sulle sfide dell’elettronica e delle sue applicazioni.

L’elettronica è il cuore di tutte le nuove funzionalità in ambito automobilistico. La crescita di componenti e sistemi elettronici è ormai stabilmente assestata su tassi a doppia cifra. Si moltiplica inoltre l’offerta di contenuti e componenti elettronici anche sotto forma di soluzioni cloud “esterne all’auto”. Aziende come Google, IBM e Intel stanno investendo soldi e risorse per ritagliarsi un ruolo di primo piano nell’industria automobilistica del futuro ed electronica Automotive Conference, in programma il 12 novembre è il luogo ideale per proporre e dibattere i temi dell’oggi e del domani. Anche il futuro della mobilità viene dunque illustrato a electronica Automotive Conference, dove il tema conduttore è incentrato sui veicoli senza emissioni e sul loro impatto sull’industria automobilistica. Un ruolo importante spetta anche alla gestione del traffico nelle città.

L’appuntamento internazionale più importante dell’industria elettronica offre, oggi più che mai, un programma nutrito di forum e conferenze, in cui l’industria automobilistica gioca un ruolo chiave.

Per due giorni electronica Embedded Platforms, il 14 e 15 novembre, tratta invece i temi di maggior attualità nel settore embedded, fra cui: processori embedded, microcontrollori, multicore, FPGA e SoC; sistemi operativi, tool e software per la sicurezza; schede embedded e moduli smart per la riduzione dei tempi di sviluppo; visione embedded, machine learning e sistemi adattivi. Si parla anche di efficienza energetica, riutilizzo e open source, oltre che di sensoristica, wireless e affidabilità.

Con la digitalizzazione di quasi tutti gli ambiti della nostra vita, in futuro l’impiego di dispositivi elettrotecnici medicali andrà ben oltre l’acquisizione di immagini ad alta risoluzione o le cartelle cliniche digitali. Ci saranno chirurghi robot che non si stancano mai di operare o dispositivi microscopici per diagnosi immediate. Nuovi materiali, sensori e batterie consentiranno di sviluppare protesi di nuova generazione. Per seguire e anticipare questi sviluppi, l’elettronica medicale sarà il tema di una conferenza dedicata, electronica Medical Electronics Conference, in programma il 15 novembre. Il convegno si rivolge a tutti gli attori del processo di trasformazione digitale nel mondo della salute e della sanità. L’obiettivo è favorire l’incontro fra medici e specialisti dell’industria elettronica per promuovere uno scambio diretto di opinioni e un dibattito sulle sfide e soluzioni della sanità digitale.

Fra i temi principali del Wireless Congress, in programma il 14 e 25 novembre, spiccano infine Internet of Things, Bluetooth standard e tecnologie RF, ai quali si aggiungono aspetti quali sicurezza, opportunità di mercato e applicazioni delle tecnologie wireless presenti e future in ambito industriale. Tutti buoni motivi per visitare electronica! ©tecnelab

 

Per la prima volta, electronica propone quattro conferenze: oltre a electronica Automotive Conference, electronica Embedded Platforms Conference e Wireless Congress, debutta electronica Medical Electronics Conference.



Precedente | Seguente


COMMENTI
Sondaggio
La robotica è una delle discipline protagoniste dell’evoluzione tecnologica. Quali i robot e i sistemi che avranno uno sviluppo più rapido e costante?

La rivista
Copertina Tecn'è Luglio/Agosto 2018

Eureka n.4 - 2018
Newsletter



Sponsor

















































OpenFactory Edizioni
© 2018. Open Factory Srl - Via Bernardo Rucellai, 37/B - 20126 Milano - Phone +39 02 49517730 +39 02 49517731 - Telefax +39 02 87153767 - C.F. e P. IVA 07222610961
È vietato riprodurre qualsiasi parte delle pubblicazioni, foto e testi senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell'editore.
Editore e autori non potranno in nessun caso essere responsabili per incidenti e/o danni che a chiunque possano derivare per qualsivoglia motivo o causa,
in dipendenza dall'uso improprio delle informazioni qui contenute.

Privacy Policy
Powered by Joy ADV