Automazione
LA LINEA DEI PEPERONI
01/11/2018

Uno dei prodotti che l’azienda specializzata in importazione, esportazione, confezionamento, conservazione, spedizione e distribuzione di frutta e verdura fresca Combilo confeziona è il set di tre peperoni dolci: uno rosso, uno giallo e uno verde.

Robot e sistemi di visione Omron accelerano la linea di confezionamento di peperoni dolci allestita dall’integratore di sistemi EasyPack Technologies presso Combilo, grossista leader nei Paesi Bassi nel settore frutta e verdura fresca.

di Daniele Montalenti

Combilo (www.combilo.nl), grossista leader nei Paesi Bassi nel settore di frutta e verdura fresca, ha recentemente installato una nuova linea di confezionamento assistita da robot che ha consentito di aumentare la produttività del 30%. La nuova linea di confezionamento, realizzata dall’integratore di sistemi EasyPack Technologies (www.easypack-technologies.com), include robot paralleli e un sistema di visione forniti da Omron (www.omron.it).

Combilo è specializzata nell’importazione, esportazione, confezionamento, conservazione, spedizione e distribuzione di frutta e verdura fresca. Uno dei prodotti che l’azienda confeziona è il set “semaforo” di tre peperoni dolci: uno rosso, uno giallo e uno verde. Non sorprende che questa attività fosse lenta e laboriosa, ma grazie alla nuova linea di confezionamento assistita da robot, Combilo riesce ora a confezionare questi prodotti in maniera molto più efficiente e con un numero di guasti notevolmente ridotto.

Grazie alla nuova linea di confezionamento assistita da robot, Combilo riesce ora a confezionare il set di peperoni in modo molto più efficiente e con un numero di guasti notevolmente ridotto.

LA SOLUZIONE: UNA LINEA ASSISTITA DA ROBOT

“La linea automatizzata esegue le stesse operazioni di quella tradizionale”, spiega Jeroen Bugter, Director di EasyPack Technologies, l’azienda che ha sviluppato la linea con i robot. “Un operatore riempie i vassoi con i peperoni dolci di diversi colori, quindi tre robot svolgono le funzioni degli addetti incaricati di posizionare i peperoni sul nastro. I robot prelevano i peperoni e li posizionano correttamente sul nastro nella giusta sequenza cromatica per la flow packer. Il procedimento all’uscita della macchina confezionatrice è rimasto invariato”.

Se non considerato nel contesto complessivo, il ruolo dei robot può apparire limitato, ma il sistema di controllo si basa su un concetto intelligente. “Il prelievo manuale genera confezioni troppo pesanti, con una quantità eccessiva di prodotto, oppure troppo leggere, che devono quindi essere scartate”, spiega Villerius. “Il punto di riferimento per i robot è un peso di 500 g per confezione. I peperoni dolci vengono selezionati e consegnati in base alle seguenti classificazioni di peso: 140-160, 160-180 e 180-220 g. Sui nastri che trasportano i peperoni dolci ai robot sono integrate delle celle di carico che trasmettono il peso dei singoli prodotti a un’unità di conversione. I primi due robot possono prelevare i peperoni scegliendo fra due nastri, mentre per l’ultimo colore i nastri sono quattro e i robot hanno quindi una gamma di scelta più ampia per avvicinarsi il più possibile all’obiettivo di 500 g”.

La nuova linea di confezionamento di Combilo è stata realizzata dall’integratore di sistemi EasyPack Technologies e include robot paralleli e un sistema di visione forniti da Omron.

Ma non è tutto. Dopo che i peperoni sono stati pesati, il sistema di visione (comprendente tre telecamere) trasmette posizione e orientamento dei peperoni, come anche la forma del gambo. Queste informazioni consentono di calcolare con precisione come è necessario ruotare e confezionare i prodotti affinché possano essere posizionati correttamente sul nastro. Secondo Villerius, i peperoni dolci sono particolarmente complessi da confezionare perché possono avere forme molto diverse e hanno gambi duri che devono essere rivolti verso l’interno per evitare che strappino la confezione.

ALIMENTAZIONE E SCARTI

“Le confezioni scartate devono essere aperte manualmente per riportare i peperoni all’inizio della linea. Questa operazione richiede molto tempo e la manipolazione aggiuntiva incide negativamente sulla qualità del prodotto”, sottolinea Villerius. “Le celle di carico e l’unità di conversione del peso controllano i robot e, così, la stragrande maggioranza delle confezioni è ora del peso corretto. I robot ci permettono di risparmiare tempo e riducono il numero di confezioni scartate e la quantità di materiale di confezionamento utilizzato”.

Villerius è soddisfatto della nuova linea assistita dai robot. Dopo un anno di prove e alcuni aggiustamenti, le prestazioni sono eccellenti. I robot riducono il fabbisogno di manodopera e la linea ha una produttività superiore del 30% per lavoratore a tempo pieno rispetto a una linea tradizionale. Questo dato è confortante in un contesto in cui è sempre più difficile trovare personale adatto a svolgere questi incarichi. ©tecnelab

La gamma di vantaggi della nuova linea realizzata in Combilo include: produttività superiore del 30%, risparmio sui costi di manodopera, numero ridotto di guasti legati al peso delle confezioni, migliore qualità per la minore movimentazione di prodotti.



Seguente


COMMENTI
Sondaggio
Quali di questi “interpreti tecnologici” animeranno la scena industriale italiana nel corso del 2019, divenendo i principali “attori” dello sviluppo futuro?

La rivista
Copertina Tecn'è Novembre 2018

Eureka n.6 - 2018

Copertina The best of automation
Newsletter



Sponsor



































































OpenFactory Edizioni
© 2018. Open Factory Edizioni s.r.l. - Via Bernardo Rucellai, 37/B - 20126 Milano - Phone +39 02 49517730 +39 02 49517731 - Telefax +39 02 87153767 - C.F. e P. IVA 07222610961
È vietato riprodurre qualsiasi parte delle pubblicazioni, foto e testi senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell'editore.
Editore e autori non potranno in nessun caso essere responsabili per incidenti e/o danni che a chiunque possano derivare per qualsivoglia motivo o causa,
in dipendenza dall'uso improprio delle informazioni qui contenute.

Redazione | Privacy Policy
Powered by Joy ADV