Sistemi di visione
OCCHIO ALLA VITE PERFETTA
01/09/2018

VISION sviluppa macchine per il controllo qualità per la produzione di pezzi metallici come viti, bulloni, dadi o altri elementi di fissaggio.

La produzione di elementi di fissaggio richiede standard qualitativi di altissimo livello, assicurati anche da sistemi di controllo qualità basati sulla visione artificiale: un settore in cui eccelle VISION, presente a Fastener Fair Italy con nuova Sirio.

di Riccardo Oldani

Si chiama Sirio ed è la nuova macchina realizzata dalla VISION di Vimercate, in provincia di Monza e Brianza (www.visionsys.it), – insieme con il suo partner strategico in meccatronica – per il controllo della qualità di viti e bulloni con i sistemi di visione artificiale. Un’innovativa macchina automatica di controllo pensata per esaminare ogni tipo di vite secondo i concetti di efficienza, flessibilità, affidabilità e connettività in linea con l’Industry 4.0. Un concentrato di alta tecnologia che è possibile scoprire in anteprima il 26 e 27 settembre nei padiglioni di Milano Congressi, al Portello, in occasione di Fastener Fair Italy, la fiera internazionale dedicata agli elementi di fissaggio e alle tecnologie che servono per produrli. L’esposizione è dedicata a un’industria in cui l’Italia eccelle, conservando un posto di preminenza mondiale grazie all’attività di molte importanti aziende, tra cui marchi di spicco come Fontana, Agrati o Brugola, giusto per citare i tre probabilmente più noti.

Mantenere il primato nella produzione di beni che potrebbero essere considerati commodities, in un mercato estremamente competitivo, è possibile soltanto attraverso l’adozione di tecnologie avanzate, capaci di garantire la massima qualità del prodotto e l’assenza di difetti. Tra queste anche i sistemi sviluppati da VISION, in grado di controllare ogni tipo di elemento di fissaggio, anche a geometria complessa, individuando rigature, incisioni superficiali ed eventuali cricche o di esaminare la precisione della filettatura interna o esterna.

 

Il cuore tecnologico delle soluzioni VISION consiste nella capacità di integrare diverse soluzioni di visione artificiale scelte tra le migliori disponibili sul mercato.

SOLUZIONE INNOVATIVA

È l’ingegner Nicola Lo Russo, Amministratore Unico di VISION, a spiegarci come la nuova Sirio riassuma tutte queste qualità. “Le caratteristiche di questa macchina”, ci dice, “sono condivise in buona parte con la Saturno, uno dei nostri punti di forza, già da un decennio sul mercato e pensata per il controllo di qualità, attraverso sistemi di visione integrati, di prodotti come dadi, bulloni o altri elementi di fissaggio. Una caratteristica importante della Saturno è la tavola rotante trasparente, sui cui vengono collocati gli oggetti da esaminare, che consente un esame su tutti i lati, anche sulla faccia che poggia sul piano. La Sirio è invece pensata per il controllo di prodotti, come le viti, che rischierebbero di rotolare o di spostarsi sulla tavola rotante. È quindi dotata di un particolare sistema che aggancia l’oggetto, consentendone tuttavia l’ispezione da ogni punto di vista”.

La parte meccatronica delle macchine VISION viene sviluppata dall’azienda di Vimercate in collaborazione con un partner specializzato e di grande esperienza.

MOLTE QUALITÀ ESPRESSE

Sia la Sirio che la Saturno sono macchine modulari, che possono montare fino a 8 telecamere, “implementabili in qualsiasi momento”, dice Lo Russo, “per consentire di adattarle a nuove esigenze del cliente in qualsiasi momento e senza alcuna difficoltà”. Ma la modularità è soltanto uno dei molteplici aspetti su cui i progettisti di VISION si sono concentrati nella fase di progettazione. L’Amministratore Unico di VISION ci illustra anche gli altri. “Innanzitutto, abbiamo puntato sulla flessibilità: le nostre macchine possono adottare diverse tipologie di telecamere, ma anche di sistemi di alimentazione e asservimento o di trattamento del prodotto finito, in modo da inserirsi alla perfezione in qualsiasi processo. Un altro aspetto è l’affidabilità. Le nostre macchine sono progettate in collaborazione con uno storico partner, specializzato nel campo della meccatronica, e sono fatte per durare a lungo. Inoltre, i controlli effettuati sono senza contatto fisico con gli oggetti esaminati. Questo consente anche di programmare cicli di lavoro senza presidio di personale, per esempio di notte”. Una caratteristica ulteriormente potenziata dalle funzioni Industry 4.0 di Sirio e Saturno, che sono in grado di inviare messaggi di allarme in automatico, anche su smartphone o su qualsiasi device mobile, alle persone autorizzate.

 

“Ricerca, innovazione e assistenza al cliente sono gli elementi principali della strategia VISION”, spiega Nicola Lo Russo, Amministratore Unico di VISION.

DATI E SICUREZZA

“Uno dei punti che distinguono in modo particolare le nostre macchine”, aggiunge ancora Lo Russo, “è poi la velocità. Parliamo della capacità di esaminare fino a 1.200/1.400 pezzi/min, grazie all’adozione di un particolare sistema di alimentazione automatica, sviluppato con il nostro partner di meccatronica. I dati raccolti durante i controlli eseguiti possono poi essere utilizzati per generare statistiche e report e sono integrabili in qualsiasi software di gestione aziendale, per cui possiamo dire che le nostre soluzioni sono anche altamente collaborative”.

Connettività e produzione di un’elevata quantità di informazioni pongono anche il problema della “security”, cioè della certezza che i dati siano protetti e leggibili soltanto da chi ne abbia l’autorizzazione. “Questo aspetto”, spiega Lo Russo, “è assicurato dal fatto che i software utilizzati, sviluppati tutti da noi, si basano su PC industriali con protezione garantita e con diversi livelli di accesso, per esempio per l’operatore che interagisce con la macchina, per chi deve analizzarli per finalità gestionali o per l’amministratore, che stabilisce a priori le varie autorizzazioni”. La connettività rende anche possibile una gestione remota della macchina e, qualora l’utilizzatore ne dia l’autorizzazione, anche l’assistenza a distanza da parte di VISION, che può così garantire l’assistenza software in tempo zero.

 

VISION arricchisce continuamente le proprie proposte con soluzioni innovative e all’avanguardia, che rispondono alle esigenze dei clienti.

IL RAPPORTO CON IL CLIENTE

“L’obiettivo però”, sottolinea Lo Russo, “è di non generare dipendenza del cliente nei nostri confronti. Siamo convinti che i responsabili della qualità e del processo, pur utilizzando le nostre macchine, debbano restare i nostri clienti e quindi la nostra preoccupazione è soprattutto fornire loro soluzioni che, una volta installate e in funzione, non diano alcun tipo di problema”.

Lo sforzo di progettazione di VISION è stato rivolto anche allo sviluppo di un’interfaccia utente estremamente semplice e user friendly, che non solo facilita l’interazione con l’addetto, ma che consente di avere sott’occhio in ogni momento tutti i dati salienti del processo di controllo di qualità, come il numero di pezzi esaminati, la percentuale di scarti e di difetti. L’installazione e la messa in opera della Sirio, così come per la Saturno, è rapida, e richiede una minima formazione del personale che la utilizza. “Siamo molto pronti e veloci nel soddisfare le esigenze della nostra clientela”, commenta Lo Russo, “com’è dimostrato anche dal successo commerciale della Saturno, che contribuisce a creare il 30% del nostro fatturato. Ora contiamo di ottenere ottimi risultati anche con la Sirio, ma in generale siamo sempre impegnati allo sviluppo dei nostri sistemi per arricchirli con nuove funzionalità. Reinvestiamo ogni anno il 10% degli utili per l’evoluzione delle nostre competenze interne, attraverso formazione e sviluppo, con l’obiettivo di migliorare sempre di più sia la parte hardware che la parte software”.

A tutto questo contribuisce, infine, l’indipendenza tecnologica di VISION. L’azienda non è legata a un produttore specifico di soluzioni per la visione artificiale, ma svolge un continuo lavoro di “scouting” del mercato per individuare le soluzioni migliori e più adatte a ogni specifica applicazione, senza alcun vincolo se non quello della reale soddisfazione del cliente. ©TECN’È

Le ultime novità VISION per il controllo qualità nell’industria dei sistemi di fissaggio sono visibili a Fastener Fair Italy, in programma il 26 e 27 settembre negli spazi di Milano Congressi, al Portello.



Precedente | Seguente


COMMENTI
Sondaggio
Come ricaricare le energie durante la pausa lavoro? Le scelte sono diverse, ma tra quelle indicate cosa preferite?

La rivista
Copertina Tecn'è Settembre 2018

Eureka n.5 - 2018
Newsletter



Sponsor







































































OpenFactory Edizioni
© 2018. Open Factory Srl - Via Bernardo Rucellai, 37/B - 20126 Milano - Phone +39 02 49517730 +39 02 49517731 - Telefax +39 02 87153767 - C.F. e P. IVA 07222610961
È vietato riprodurre qualsiasi parte delle pubblicazioni, foto e testi senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell'editore.
Editore e autori non potranno in nessun caso essere responsabili per incidenti e/o danni che a chiunque possano derivare per qualsivoglia motivo o causa,
in dipendenza dall'uso improprio delle informazioni qui contenute.

Privacy Policy
Powered by Joy ADV