Manutenzione
I PRIMI 20 ANNI
01/09/2018

SMZ Italia è specializzata nella riparazione di mandrini ed elettromandrini. Oggi riparare un mandrino richiede un lasso temporale che va dalla singola settimana alle tre o quattro a seconda della complessità del lavoro.

Passare dalle poche centinaia di migliaia di euro agli oltre sei milioni di fatturato è una grande meta, così come lo è passare dalla riparazione di sei mandrini al mese a circa 130, soprattutto se si considera la complessità di un settore caratterizzato da evoluzioni tecnologiche continue, dove la crescita del proprio know-how e la costruzione di una solida rete di fornitori sono condizioni assolute. Vent’anni di attività segnano un traguardo importante, un lasso temporale in cui si gettano le basi e si evolve: la storia di SMZ Italia, specializzata nella riparazione di mandrini ed elettromandrini, testimonia come, grazie alla costanza, al duro lavoro e alla determinazione, sia possibile raggiungere le mete prefissate.

di Elisa Maranzana

Ci sono mete nella storia di un’azienda che più di altre segnano traguardi importanti. Come i vent’anni di attività, per esempio. Un lasso temporale durante il quale si gettano le basi, si delineano le linee guida, e ci si evolve. Durante i quali qualche volta – grazie alla costanza, al duro lavoro e alla determinazione – si raggiungono le mete prefissate. È il caso, per esempio, della piemontese SMZ Italia (www.smzitalia.com), spin off della tedesca SMZ GmbH. La Casa italiana, fondata nel 1998 per mano di Georg von Slawik, è specializzata nella riparazione di mandrini ed elettromandrini. Sono 13.000, a oggi, i pezzi riparati con successo nel nostro Paese dall’azienda, per mano di tecnici qualificati e continuamente aggiornati.

SMZ Italia, spin off della tedesca SMZ GmbH, viene fondata nel 1998 da Georg von Slawik.

COSA È CAMBIATO

“Inizialmente in azienda c’erano solo tre persone, e una di queste era proprio il signor von Slawik; tre persone che fin dall’inizio si sono occupate della riparazione di mandrini ed elettromandrini montati su macchine utensili”, ci racconta Adriano Menegazzo, Direttore Commerciale di SMZ Italia, ripercorrendo le principali tappe evolutive di questa impresa. “Oggi il business è rimasto lo stesso. Quello che è cambiato è che, dalle tre persone del 1998, la nostra azienda è passata a impiegarne 35 e ha raggiunto un fatturato che, dalle poche centinaia di migliaia di euro, ha superato i 6 milioni, con una fase di stallo solo nel primissimo periodo della grande crisi”.

Ma Adriano Menegazzo ci dà un altro dato importante: se nel 1998 venivano riparati circa sei mandrini al mese, oggi i tecnici specializzati di SMZ Italia arrivano mediamente a revisionarne 130. Anche i prodotti da manutenere sono cambiati molto in questo ultimo ventennio. “Un tempo i mandrini erano molto più semplici, quasi nessuno era motorizzato”, continua Menegazzo. “Con il passare degli anni questo prodotto si è evoluto fino a diventare molto, ma molto, più complesso: ogni mandrino oggi è diventato, di fatto, un vero e proprio sistema meccatronico”.

I tecnici specializzati di SMZ Italia arrivano oggi mediamente a revisionare 130 prodotti, assicurando ai propri clienti la garanzia di un anno sui mandrini riparati.

TEMPI RECORD

Per riparare un mandrino è necessario un lasso temporale che va dalla singola settimana alle tre o quattro a seconda della complessità del lavoro. “Chiaro è”, precisa Menegazzo, “che per chi ha una macchina ferma queste tempistiche possono sembrare lunghe, ma in realtà chi fa il nostro mestiere sa bene che sono tempi molto rapidi per una riparazione fatta bene. Uno dei nostri plus è infatti proprio la velocità di esecuzione, sempre mantenendo alta la qualità del lavoro effettuato. Oggi siamo gli unici in Italia a offrire ai nostri clienti la garanzia di un anno sui mandrini riparati”.

Anche vent’anni fa, com’è facile immaginare, la velocità di esecuzione delle riparazioni era importante, ma i ritmi frenetici e la pressione esercitata dai clienti non erano portati agli eccessi come invece accade oggi. “Non era semplice neppure allora”, aggiunge il Direttore Commerciale di SMZ Italia, “ma oggi che il contesto è cambiato radicalmente, il lavoro è diventato più impegnativo. Così come più impegnativa è la gestione dei clienti: una volta avevamo a che fare direttamente con il titolare, oggi le imprese italiane sono più strutturate e questo ha influito anche sul semplice scambio di informazioni, portando anche noi a strutturarci di conseguenza”.

SMZ Italia si sta impegnando fortemente anche nella formazione di una nuova generazione di giovani operatori. La specializzazione del personale è un fattore determinante per la qualità.

I TRE CANALI

I clienti di SMZ Italia oggi derivano principalmente da tre canali. “La maggior parte”, continua Menegazzo, “sono gli utilizzatori finali, che preferiscono rivolgersi a noi, invece che ai costruttori di macchine, sostanzialmente per due ragioni: da un lato vogliono ridurre i tempi necessari per la riparazione, dall’altro sanno che noi siamo specialisti in grado di offrire prezzi più competitivi. Poi ci rivolgiamo ai grandi utilizzatori, ovvero a tutte quelle aziende che ospitano nelle loro officine grandi parchi macchine. Queste realtà in genere hanno reparti di manutenzione interni, che però molto spesso non sono in grado di effettuare le riparazioni più complesse, un fenomeno sempre più frequente e che dipende in gran parte dall’evoluzione tecnologica stessa dei mandrini di questi ultimi anni che, come dicevamo, hanno raggiunto livelli di complessità molto alta. Il terzo canale è il costruttore di macchine utensili stesso, spesso alla ricerca di partner tecnologici in grado di supportarlo in maniera continuativa o nel caso di picchi di lavoro. Il fatto di lavorare fianco a fianco con i costruttori di macchine utensili ci permette anche di aumentare il nostro know-how e il livello di specializzazione, che poi possiamo mettere a disposizione anche di tutti gli altri clienti”.

Per far fronte a un mercato che cambia, SMZ Italia negli anni ha anche ampliato la gamma di servizi offerti ai clienti. Come i training di manutenzione per esempio, attività dedicate a migliorare la conoscenza da parte degli operai specializzati di mandrini ed elettromandrini al fine di migliorarne l’utilizzo, la durata e l’efficienza.

Ogni mandrino oggi è diventato, di fatto, un vero e proprio sistema meccatronico e va “curato” nel modo adeguato.

MIGLIORAMENTO CONTINUO

Per chi si trova quotidianamente a condurre attività come quelle che svolge SMZ Italia un valore molto importante è dato da due fattori. Il primo è la specializzazione e l’aggiornamento dei tecnici. “Da un lato siamo fortunati”, ci spiega ancora Menegazzo. “Operando in un settore i cui prodotti cambiano continuamente, siamo costretti di volta in volta a imparare bene come funzionano e come devono essere utilizzati, il che ci porta, ogni giorno, a incrementare il nostro know-how. Quello su cui ci stiamo impegnando quotidianamente è la formazione di una nuova generazione di giovani operatori, che imparano affiancando tecnici esperti che con il tempo andranno a sostituire”.

Il secondo fattore è l’ampliamento della propria rete di partner tecnologici: “Ogni mese”, conclude Menegazzo, “ci troviamo a riparare circa 130 elettromandrini e ognuno di essi monta componenti diversi dagli altri 129. Questo significa che, oltre a conoscere bene il prodotto, dobbiamo essere capaci di costruirci un network di fornitori, che spesso hanno il loro quartier generale oltreoceano, per poter recuperare i pezzi necessari per effettuare le riparazioni che i clienti ci chiedono. Certo è che, in quest’ottica, l’ausilio di un sistema informatico, come quello su cui abbiamo investito recentemente, diventa di fondamentale importanza”.

Nei prossimi anni SMZ Italia intende aumentare significatamene il numero delle riparazioni e parallelamente il fatturato, continuando il trend positivo di questi ultimi anni. ©TECN’È

 

La riparazione di un mandrino richiede fasi operative ben definite tra cui il rodaggio, eseguito anch’esso nello stabilimento della piemontese SMZ Italia.

 



Seguente


COMMENTI
Sondaggio
Come ricaricare le energie durante la pausa lavoro? Le scelte sono diverse, ma tra quelle indicate cosa preferite?

La rivista
Copertina Tecn'è Settembre 2018

Eureka n.5 - 2018
Newsletter



Sponsor







































































OpenFactory Edizioni
© 2018. Open Factory Srl - Via Bernardo Rucellai, 37/B - 20126 Milano - Phone +39 02 49517730 +39 02 49517731 - Telefax +39 02 87153767 - C.F. e P. IVA 07222610961
È vietato riprodurre qualsiasi parte delle pubblicazioni, foto e testi senza preventiva autorizzazione scritta da parte dell'editore.
Editore e autori non potranno in nessun caso essere responsabili per incidenti e/o danni che a chiunque possano derivare per qualsivoglia motivo o causa,
in dipendenza dall'uso improprio delle informazioni qui contenute.

Privacy Policy
Powered by Joy ADV