Tendenze – Ericsson svela il futuro dell’IoT cellulare

Ericsson (www.ericsson.com) svela il futuro dell’ IoT cellulare (https://www.ericsson.com/en/networks/offerings/cellular-iot) e promuove nuove soluzioni che consentiranno agli operatori mobili di raggiungere una parte più ampia del mercato IoT grazie a casi d’uso che spaziano tra diversi settori, tra cui quello automotive, quello manifatturiero e le utility.

Ericsson descrive l’evoluzione dell’IoT cellulare all’interno di quattro segmenti di mercato: Massive IoT, Broadband IoT, Critical IoT e Industrial Automation IoT (https://www.ericsson.com/en/white-papers/cellular-iot-evolution-for-industry-digitalization). Due di questi segmenti sono nuovi: Broadband IoT e Automation IoT. Il Broadband IoT permette di sfruttare il potenziale della banda larga mobile per l’IoT con una maggiore velocità di trasmissione dei dati e tempi di latenza inferiori rispetto al Massive IoT. L’Industrial Automation IoT, invece, abilita applicazioni avanzate di automazione industriale caratterizzate da requisiti di connettività altamente esigenti.

In linea con la propria visione dell’IoT cellulare, Ericsson proporrà inoltre nuove funzioni avanzate per Massive IoT e nuove soluzioni per Broadband IoT. Un esempio di funzione avanzata per Massive IoT è NB-IoT Extended Cell Range 100 km, che estende il limite standard del segnale da 40 a 100 km semplicemente tramite aggiornamenti software, senza modificare i dispositivi NB-IoT esistenti. Questa funzione apre enormi opportunità per l’estensione della connettività IoT anche nelle aree rurali e più remote, di cui possono avvantaggiarsi, in particolare, i settori della logistica, dell’agricoltura e del monitoraggio ambientale. Ericsson ha implementato le connessioni dati NB-IoT fino a 100 km insieme a Telstra e DISH.

Le soluzioni Broadband IoT lanciate includono il rilevamento e il controllo da remoto dei droni, lo slicing della rete radio access network (RAN), l’Advanced Subscriber Group Handling e il Multi-Gigabit LTE per la connessione dati a 2 Gbps con una latenza di circa dieci millisecondi. Le nuove soluzioni permetteranno di ampliare notevolmente la gamma di use case possibili nel settore automotive, in quello dei droni, della realtà virtuale e aumentata, dei dispositivi indossabili, nello smart manufacturing e nelle smart utilities.

“L’IoT cellulare si sta evolvendo, passando dalle prime applicazioni tramite Massive IoT all’implementazione a livello globale. Con le nostre soluzioni stiamo dettando la linea dell’evoluzione per i nostri clienti e stiamo definendo come possono ottenere il massimo dai loro investimenti in 4G e 5G utilizzando la rete già esistente, in modo da poter utilizzare l’IoT in casi d’uso più avanzati e in diversi settori”, afferma Fredrik Jejdling, Executive Vice President e Head of Networks di Ericsson.

“Come il 4G ha segnato l’era dello smartphone, così ci aspettiamo che il 5G segni l’era dell’Internet delle cose. Negli scorsi anni abbiamo già visto una crescita straordinaria nelle possibilità offerte dalla tecnologia IoT di Vodafone, proprio grazie all’introduzione di tecnologie di rete come NB-IoT e C-V2X, e diamo il benvenuto a Ericsson alla guida dello sviluppo delle tecnologie del futuro che aiuteranno a far fronte alla crescente domanda dei consumatori e delle industrie”, dichiara Luke Ibbetson, Vodafone Group Head of Technology R&D.

Sponsor

Mediapartners