ZAYER - OTTOBRE 2014

 

Il centro di fresatura Gantry, a spalla alta, NEOS, firmato Zayer, abbina robustezza, affidabilità e durata nel tempo con comportamenti più dinamici e una maggiore precisione volumetrica e di capacità di lavoro.

NEOS è una Gantry a spalla alta che abbina robustezza, affidabilità e durata nel tempo, doti che hanno reso famosa Zayer (www.zayer.com/it), con comportamenti più dinamici e una maggiore precisione volumetrica e di capacità di lavoro. La struttura, monolitica in ghisa perlitica, è frutto della nuova progettazione a elementi finiti che permette di mantenere le caratteristiche strutturali di rigidità con componenti di minor peso e conseguente risparmio energetico nell’utilizzo corrente. Gli scorrimenti longitudinali della traversa, asse X, avvengono su guide integrali con pattini a rulli e l’azionamento è ottenuto con doppio motore pignone-cremagliera, che garantisce l’assenza di gioco nel movimento (back-lash). Il movimento trasversale del carro porta slittone sulla traversa, asse Y, avviene con la stessa tecnologia. Lo slittone è guidato sui quattro lati (box in box), con ben otto punti di contrasto in testa e otto al piede, per un totale di sedici punti di contrasto, con movimento su guide piane, per garantire la maggior rigidezza, geometria e simmetria. Lo slittone è azionato da doppia vite a ricircolo di sfere. Queste caratteristiche assicurano alla macchina una maggiore dinamicità e precisione in tutto il volume di lavoro. NEOS monta di serie la testa automatica a 30°, 5 assi in continuo e 0,001° di posizionamento: questa testa può orientare l’utensile di lavoro in qualsiasi posizione nello spazio in modo semplice e preciso. Il sistema Zayer Multi Head di intercambiabilità delle teste consente il montaggio automatico di teste differenti a seconda della tipologia di lavorazione da eseguire. Il sistema permette di inserire nuove teste di lavoro anche in un secondo tempo. Come tutte le nuove Zayer, costruite con sistema modulare, lo spazio operativo di NEOS si adatta alle esigenze di lavoro, con dimensioni della tavola e corse disponibili in un range decisamente ampio. La macchina può quindi essere modificata come dimensioni e corse anche in tempi successivi alla prima installazione. La macchine della Casa spagnola si distingue anche per corse in X, Y e Z rispettivamente di 3.000÷20.000, 2.000 (3.000-4.000) e 1.250 (1.500) mm, con luce tra le spalle di 3.000 (4.000-5.000) mm. L’altezza minima tavola/naso mandrino è di 1.465 (1.715-1.965) mm. I rapidi raggiungono i 50.000 mm/min. La velocità del mandrino ISO 50 arriva a 6.000 giri/min, con una potenza di 43 kW, mentre l’elettromandrino HSK 100 consente 15.000 giri/min, con una potenza di 32 kW. Il magazzino utensili, anche misto ISO 50/HSK100, prevede 30 (40-60-80-100-120) posti e il carico massimo ammesso sulla tavola è di 15.000 kg/m2. Precisione di posizionamento e ripetibilità sono contenute rispettivamente in 0,008/4.000 e 0,005/4.000 mm.

Sponsor

Mediapartners