PORTE APERTE AL CENTENARIO
OPEN DOORS FOR THE CENTENNIAL

Il centro G220 si contraddistingue per la facilità d’uso e l’affidabilità del processo, grazie alla nuova generazione di controllori INDEX C200 SL.<br>The G220 presents a particular highlight when it comes to user friendliness and process reliability with the latest generation of the INDEX C200 SL controller.

Dopo il 75° anniversario di Traub nel 2013, lo scorso maggio Index ha spento cento candeline all’open house nelle sedi di Deizisau, Esslingen e Reichenbach. Quasi duecento anni di esperienza nella tornitura, con un cammino cominciato alla vigilia della prima Grande Guerra.

di Corrado Dal Corno

Chi conosce la storia dell’industria tedesca (e non solo) delle macchine utensili, sa che molte aziende, inclusi alcuni marchi illustri, sono state assorbite da altre o sono addirittura scomparse. In questo contesto spicca ancora più nettamente il centesimo anniversario di Index, la casa tedesca leader nel mondo della tornitura, da sempre impersonificata in Italia da Synergon (synergon.it). Per l’occasione, Klaus Frick, presidente del consiglio di amministrazione, ha ripercorso le tappe dell’avventura imprenditoriale cominciata il 2 gennaio 1914, quando Hermann Hahn, un agente di commercio di Trochtelfingen, fondò “Werkzeugmaschinenfabrik Index”, senza immaginare che, solo un paio di mesi dopo, un nazionalista serbo avrebbe colpito a morte l’erede al trono di Austria, l’Arciduca Francesco Ferdinando, scatenando la Prima Guerra Mondiale e mettendo a repentaglio l’esistenza della sua azienda appena nata.
Index ha brillantemente superato tutte le sfide del tempo e dei mercati, crescendo senza sosta decennio dopo decennio, con prodotti sempre nuovi e una rete commerciale che ha raggiunto i quattro angoli del pianeta. Già in occasione del 75° anniversario, l’allora presidente Eugen C. Hahn, ultimo discendente del fondatore, aveva così sintetizzato i principi guida dell’impresa: “Questa impresa non è il risultato di uno sviluppo intermittente o di circostanze favorevoli, quanto piuttosto di un impegno continuo e un duro lavoro. Ma soprattutto è il frutto del talento e della dedizione di tutti i nostri collaboratori, ai quali dobbiamo dire grazie per il nostro successo. E, in secondo luogo, è il risultato di un istinto imprenditoriale per le esigenze del mercato e dei clienti, unito a lungimiranza, coraggio e fiducia nel futuro”.
Venticinque anni dopo, Klaus Frick ha ribadito che questi principi non solo sono ancora validi, ma guidano l’azienda verso il futuro. Con queste premesse Index ha spalancato le porte delle proprie sedi di Deizisau, Esslingen e Reichenbach a clienti e partner, ringraziandoli per la fedeltà e la fiducia che ripongono nell’azienda e nei suoi prodotti. Fiducia ripagata ancora una volta con la presentazione di importanti novità all’open house di maggio, dove tradizione e futuro del marchio Index hanno trovato una perfetta sintesi nel centro di fresatornitura G220, che amplia la serie G con un modello completamente riprogettato in risposta alle esigenze del mercato odierno in termini di crescente complessità dei pezzi e diminuzione dei lotti.

PORTE APERTE AL FUTURO
Nel progetto della nuova G220 gli ingegneri di Index hanno riversato tutta l'esperienza delle serie R e G; il risultato è una macchina compatta per lavorazioni di tornitura e fresatura a cinque assi di alta qualità con un ingombro di circa 10 metri quadrati (escluso i caricatore di barre). Il centro appoggia su un solido basamento in ghisa che, insieme alle guide lineari ampiamente dimensionate sugli assi X e Z, garantisce eccellenti doti di stabilità e ammortizzazione.
L’area di lavoro è molto ampia, con 1.280 mm di distanza fra il mandrino principale e il contromandrino e una lunghezza di tornitura massima di 1.000 mm. Tutti i componenti rilevanti per l'operatore, cioè mandrino e contromandrino, torretta, mandrino di fresatura motorizzato e pannello di controllo, si trovano all’interno della cosiddetta “fascia ergonomica”, come Index chiama l’area dipinta in turchese e accessibile all’operatore in maniera ergonomica.
La G220 si contraddistingue per la facilità d’uso e l’affidabilità del processo, grazie alla nuova generazione di controllori Index C200 SL, basati su Siemens Sinumerik 840D sl (solution line) con touchscreen da 18,5”. Grazie all'avanzata tecnologia touch capacitiva, compatibile anche con l'utilizzo di guanti, molti pulsanti e selettori del pannello di controllo possono essere trasferiti sullo schermo tattile. I pulsanti selezionabili in una determinata fase operativa sono retroilluminati, mentre quelli “vietati” vengono oscurati. I tasti lampeggianti devono essere abilitati dall’operatore, che in questo modo viene guidato nelle procedure evitando errori. Il pannello operatore è dotato di un secondo ingresso che INDEX utilizza per la propria Virtual Machine: premendo un tasto, l’operatore può passare alla modalità “VM on Board”, che consente di operare in simulazione indipendentemente dalle lavorazioni in corso sulla macchina.

EFFICIENZA IN PERIFERIA
Il mandrino di fresatura motorizzato utilizza un magazzino utensili a catena con una o, in opzione, due file per 70 o 140 utensili (HSK-A40). Le stazioni sono dotate di un cestello oscillante che protegge gli utensili dalla contaminazione con olio e trucioli.
Particolarmente vantaggioso il magazzino a doppia file, che consente di predisporre gli utensili mentre la macchina è in funzione, e l’unità di monitoraggio di rottura degli utensili, che sfrutta una lama di luce per verificare se l’utensile è ancora integro al momento del cambio utensile. Tutte le periferiche sono state concepite con grande cura. Nella nuova versione del caricatore di barre MBL, ad esempio, le barre sono guidate per mezzo di cuscinetti a rulli. Con questo accorgimento, indipendentemente dalla velocità della barra, si garantisce un'alimentazione molto precisa ed esente da vibrazioni. MBL è idoneo per barre fino a 65 mm di diametro e lunghezze di 3.200 o 4.200 mm a scelta.

CENTRO DI FRESATORNITURA R200
Il modello R200 si impone come standard per una nuova generazione di centri di fresatura/tornitura, grazie alla possibilità di eseguire lavorazioni in interpolazione a 5 assi simultaneamente con entrambi i mandrini di fresatura. Due elettromandrini di fresatura, disposti su due piani di lavoro indipendenti, permettono tempi di ciclo che, per pezzi complessi e con asportazioni difficili, erano fino ad ora difficilmente raggiungibili. Sul mandrino e sul contromandrino si possono effettuare, contemporaneamente, onerose operazioni di sgrossatura e di finitura di precisione. Grazie alla lavorazione in parallelo si ottiene un evidente aumento della produttività, in confronto ai sistemi tradizionali. I particolari da produrre vengono effettivamente e simultaneamente lavorati su entrambi i lati. Grazie all’efficiente disposizione degli assi si ottiene una cinematica che traccia una nuova via e permette di effettuare una vasta gamma di lavorazioni.

R200 TURN-MILL CENTER
R200 represents the standard solution for a new generation of milling/turning centers, capable of carrying out 5-axis interpolation machining using both milling spindles simultaneously. Two milling power spindles, located on two independent worktables, allow to achieve cycle times that could not be obtained so far with complex workpieces and difficult chip-forming operations. With the spindle and counterspindle you can carry out simultaneous roughing and precision finishing operations. With parallel machining you can obtain a significant production increase compared to standard systems. The elements that have to be produced are machined simultaneously on both sides. Thanks to efficient axis positioning, the machine provides effective kinematics, allowing to carry out a wide range of machining processes.


Il nuovo caricatore di barre MBL offre ingombri ridotti, preparazione rapida e risposta dinamica per tempi di lavorazione più brevi.<br>The new MBL bar loader offers small footprint, faster setup and better dynamic response for shorter machining time per piece.

OPEN DOORS FOR THE CENTENNIAL

After Traub’s 75th anniversary in 2013, last May Index blew one hundred candles at the open house in the Deizisau, Esslingen and Reichenbach sites. Almost two hundred years of experience in turning, since the eve of the First World War.

by Corrado Dal Corno

Those who are involved with the history of the German (and not only) machine tool industry know that many companies, including some big brands, have been merged or have disappeared. In light of this, celebrating their hundredth anniversary is even more remarkable for Index, the turning technology leader represented in Italy by Synergon. On the occasion, the current Chairman of the Board, Klaus Frick took a quick look at the company’s history, going back to January 2, 1914, when Hermann Hahn, a salesman from Trochtelfingen, founded “Werkzeugmaschinenfabrik INDEX”, having no idea that, just a couple of months later, a Serbian nationalist would kill the Austrian heir to the throne, Archduke Franz Ferdinand, triggering the First World War and threatening the start of his young company.
Index has brilliantly overcome the challenge of times and markets, growing relentlessly decade after decade, with ever new products and a worldwide sales network. On the occasion of the 75th anniversary, the former president Eugen C. Hahn, the founder’s last descendant, had already expressed the following guiding principles: “This achievement is not the result of intermittent development, or of favorable conditions, but rather of continuous efforts and hard work. First and foremost it is the result of the talent and diligence of all out employees whom we have to thank for our success. Secondly, it is the result of entrepreneurial instinct regarding the needs of the market and customers, together with the foresight, courage and trust in future development”.
Twenty-five years later, Klaus Frick stated that “these principles are not only still relevant, but we also feel beholden to them for the future.” With this preface, Index opened up the doors of the Deizisau, Esslingen and Reichenbach sites to customers and partners, thanking them for their loyalty and the trust they place in the company and their products. Trust and loyalty were once again rewarded with the presentation of big news at the open house in May, where the tradition and future of the Index brand were well represented by the turning-milling center G220, which expands the G series with a model completely redesigned in response to market requirements, the growing complexity of components and falling batch sizes.

PREPARED FOR THE FUTURE
In the new design of the G220, the development engineers at Index have contributed their full experience from the R and G machine series; the result is a compact machine which performs typically high-quality turning and five-axis milling with a footprint of approximately 10 sqm (excluding bar loader). It is based on a heavily rubbed cast iron machine bed which, together with the generously sized linear guides in the X and Z-axes, ensures excellent stability and damping properties.
With a distance of 1280 mm between the main and counter spindle and a maximum turning length of 1000 mm, the G220 turn-mill center offers a spacious work area. All components of relevance to the machine operator, i.e. the main and counter spindles, the turret and the motorized milling spindle, but also the machine’s operating panel, are located within an “ergonomic belt”, as Index calls the area marked in turquoise on the machine enclosure and which is ergonomically easily accessible to the machine operator.
The G220 presents a particular highlight when it comes to user friendliness and process reliability with the latest generation of the Index C200 SL controller, based on the Siemens Sinumerik 840D sl (solution line) and featuring an 18.5” touchscreen. The latest capacitive touch technology – which can be used even wearing gloves – makes it possible to incorporate numerous rotary and touch buttons of the machine control panel directly in the screen. Buttons and switches available for selection are selectively backlit, while illegal ones are dimmed. Flashing keys must be enabled by the operator, who is thus guided through operations and can prevent errors. The operating panel features a second input which Index uses for its own Virtual Machine. By pressing a button, the operator can switch to “VM on Board” and make use of simulation, irrespective of current machine operations.

PERIPHERAL OPTIONS
The motorized milling spindle operates using a one or optionally two-row tool chain magazine which features space for 70 or 140 tools (HSK-A40). The stations feature a tilting basket design which protects the tools against contamination from oil and chips.
Users particularly benefit from the double-row tool magazine, which enables setup during main time, as well as from the integrated drill breakage monitoring unit which employs a light barrier to automatically check if the tool is still fully available every time a tool change is performed. The available peripherals are also extremely well thought out. The new version of the Index bar loading magazine MBL, for instance, offers the specific advantage of guiding the bars in roller bearings. Irrespective of the bar speed, this results in an extremely precise and low-vibration bar guide. The Index MBL is suitable for bars of up to 65 mm diameter and a length of optionally 3.200 mm or 4.200 mm.

Il centro G220 si contraddistingue per la facilità d’uso e l’affidabilità del processo, grazie alla nuova generazione di controllori INDEX C200 SL.<br>The G220 presents a particular highlight when it comes to user friendliness and process reliability with the latest generation of the INDEX C200 SL controller.


 

Sponsor

Mediapartners